Presentazione della scuola

S.Cecilia2Di recente formazione, l’Associazione La Banda degli Unisoni nasce da una precedente esperienza che le ha permesso di ereditare una Scuola di Musica avviata nel 1982, un attività presso le Scuole d’Infanzia e Primarie del comprensorio Perugino che accoglie circa mille bambini tutti gli anni da oltre trent’anni e un’attività discografica che vede la produzione autonoma di progetti musicali specifici per bambini.

La scuola di musica si dedica all’attività di divulgazione musicale dalla sua formazione. La particolare vocazione di scuola rivolta alla primissima infanzia la rende giovane e propositiva anche negli ambiti più adulti. Si organizzano nuovi corsi in continuazione, in base alle richieste, in base alle esigenze. Le competenze degli insegnanti permettono una grande apertura sui diversi generi musicali e qualsiasi iscritto può trovarsi a suonare duetti di Mozart, canzoni dei Beatles, Ragtime di Jelly Roll Morton o R&B alla James Brown. L’obiettivo è quello di creare un ambiente stimolante e propositivo nel quale ognuno può trovare il suo spazio in base alle proprie competenze e aspettative.
Durante l’anno scolastico gli allievi hanno l’opportunità di partecipare a diversi eventi musicali in prima persona, cantando o suonando il proprio strumento.
Grandi cori in Piazza, eventi natalizi nei teatri più importanti, concerti nei musei, nei boschi, nelle piazzette, serate jazz nei locali più accreditati della città. Tutte queste sono occasioni per imparare, conoscersi, conoscere, relazionarsi con la musica, con il pubblico, con i compagni di percorso e vivere delle occasioni belle e stimolanti e, soprattutto, trovarsi e ritrovarsi nella musica.

L’ambiente che accoglie i corsi è meraviglioso e accogliente: tutti gli spazi adiacenti alla Sala principale dell’Auditorium Santa Cecilia risuonano durante i pomeriggi di musica, di strumenti, di voci cantanti piccole e grandi.
Gli insegnanti sono giovani e poliedrici e coprono tantissime professionalità in diversi ambiti musicali oltre a quelli strettamente attinenti al proprio strumento.
Un pomeriggio alla Scuola di Musica La banda degli unisoni per un bambino/ragazzo dai 5 ai 18 anni si configura come ad un immersione nel mondo della musica “a tutto tondo” tra lezioni di strumento, teoria, incontri di musica d’insieme, bande, cori, prove tra coetanei, registrazioni audio in un ambiente stimolante e propositivo.

L’Auditorium di Santa Cecilia, situato nel Centro Storico di Perugia, è l’unico monumento barocco della città (insieme all’adiacente Chiesa di San Filippo Neri). Nato su iniziativa dei Padri Filippini, che avevano necessità di un luogo preposto agli esercizi oratoriani e alle esecuzioni musicali, l’Oratorio fu edificato in soli tre anni dal 1687 al 1690. Dal momento della sua fondazione e per tutto il diciottesimo secolo il Santa Cecilia vive il suo periodo di massimo splendore come testimonia il ricco catalogo di oratori ivi eseguiti. Nel diciannovesimo secolo l’Oratorio attraversa un lungo periodo di abbandono e solo nella seconda metà del novecento, spogliato di tutta la suppellettile sacra e dell’arredamento tradizionale, viene ridotto a sala per proiezioni cinematografiche. Solo ora, dopo anni di chiusura e di abbandono, i recenti lavori di restauro voluti e realizzati dall’Amministrazione Comunale hanno riportato alla luce questo autentico gioiello di architettura barocca, consentendone la riapertura al pubblico.
La platea dell’Auditorium di S. Cecilia è a pianta centrale (o croce greca) dove si alternano parti concave a parti convesse. Nella parete concava situata di fronte all’ingresso si aprono due porte (sinistra – camerino e servizi, destra – uscita di emergenza e ufficio) in mezzo alle quali è collocato il palco sormontato da una tela raffigurante La Madonna col bambino e Santa Cecilia di Carlo Lamparelli di Spello del 1688.

Un doppio cornicione individua due ordini di palchi. L’Auditorium è sormontato da un’ampia e luminosa cupola. Il recente restauro dell’Auditorium ha tenuto conto della sua originaria funzione di luogo deputato ad attività musicali ed insieme ha proiettato l’antico Oratorio verso un nuovo concetto di utilizzazione degli spazi per fini artistici.
Pregevole teatrino barocco con pianta centrale a croce greca, due ordini di coretti e copertura a cupola, realizzato su disegno di Pietro Baglioni (1687-90).
Annesso a san Filippo Neri dalla Congregazione dei Filippini, di cui all’attiguo complesso, fu successivamente affidato all’Accademia degli Unisoni.
Dopo decenni di degrado e abbandono è stato restaurato e riaperto al pubblico nel 2001. Possiede un’ottima acustica. Lungo via Fratti case e torri medievali.

Gli spazi attigui all’Auditorium sono diventate comode ed accoglienti aule per accogliere i corsi annuali della Scuola di musica. L’Ambiente è magico e stimolante, gli allievi si sentono accolti da un’atmosfera che ispira la musica, quella bella!
L’ingresso coincide esattamente con quello dell’Auditorium il quale è ubicato all’incrocio di Via della Stella e Via Fratti: a cinquanta metri dalla Fontana Maggiore e a 100 metri dal Teatro Morlacchi.