Jana Hildebrandt

Nasce in Germania da genitori flautisti nel 1982. Figlia d’arte impara a suonare il flauto come si impara una madrelingua, con tutto il suo potere comunicativo ed espressivo, virtuosistico, dolce e seducente. Affascinata dalla lingua italiana, sin da subito dopo la sua maturità nel 2001, decide di studiare il flauto proprio in Italia e si trasferisce a Perugia. Impara la lingua italiana ma anche la musicalità italiana con tutta la sua freschezza, presenza positiva, prontezza e giocosità. Si diploma al Conservatorio di Musica di Perugia “F. Morlacchi” sotto la guida di Carlo Morena nel 2009.

Accosta lo studio sin dal principio ad un’intensa attività concertistica, sia da solista o in formazioni di musica da camera piccole e grandi, che con orchestre sinfoniche, in Italia con l’Arcadia Wind Orchestra, l’Orchestra Tartini di Latina e l’Orchestra degli studi di Perugia. Con quest’ultimi esegue il concerto per flauto e orchestra in mi minore di S. Mercadante in vari teatri umbri. Ha suonato brani per flauto solo per TEF channel, la televisione umbra di Perugia e per il Museo Archeologico Nazionale. Collabora con diverse istituzioni ed associazioni per le quali si esibisce regolarmente, come “Le Vie dell’Arte” di Foligno, il comune di Perugia e le sue biblioteche, in particolare Villa Urbani e San Matteo degli Armeni, la stagione musicale dell’Araba Fenice di Terni. Ha fondato il gruppo strumentale dell’Università degli Stranieri di Perugia con il quale si esibisce regolarmente. Inoltre fa parte di diverse orchestre tedesche, con le quali ancora suona abitualmente: Ludus Tonalis di Bonn, ROAM di Mainz, Brucknerorchester di Coburg ed in Italia con l’Orchestra di fiati di Perugia e Bologna.

Si abilita nel 2015 all’insegnamento del flauto nelle scuole medie nella classe di concorso A77 al Conservatorio di Musica di Perugia “F. Morlacchi”. Attualmente insegna alla scuola media Pietro Vannucci di Città della Pieve e alla Mastro Giorgio Nelli di Gubbio. Continua a perfezionarsi con i Maestri Nicola Mazzanti per l’ottavino e Michele Marasco per il flauto. Ha suonato per manifestazioni prestigiose come il Festival dei Due Mondi di Spoleto e l’Expo 2015 a Milano, la Sagra Musicale Umbra e l’Expo delle Lingue.

Tiene laboratori di musica d’insieme e continua un’attività concertistica divulgatrice della musica classica, della bellezza ed estetica del suono del flauto, della gioia della musica d’insieme e della ricchezza timbrica che per lei sono questa lingua madre, il suono del flauto.

Da quest’anno collabora con La Scuola di Musica La Banda degli Unisoni.

  • Share: